APPLE PIE BARS

APPLE PIE BARS

APPLE PIE BARS

Sapore e consistenza sono quelli della classica torta di mele americana: il sentore della cannella e del caramello che sposano la dolce tenerezza delle mele. Un morso quando sono ancora calde ed è subito magia d’ autunno, di raggi di sole radenti che incendiano le chiome degli alberi, del turbinio di foglie danzanti col vento, di pioggia che imfradicia… infanga… invita a ranicchiarsi in una vecchia poltrona, avvolti dal calore di un morbido plaid, con una tazza di tè fumante in una mano e un buon libro nell’altra…e…e…e mò, con tutt’e due le mani occupate, come faccio a prendermi un dolcetto? Facciamo che il tè lo lasciamo lì accanto, a freddarsi un pò, nel frattempo ci deliziamo con un dolcino alle mele,o magari due…facciamo tre e non  parliamone più.

Parliamo invece di qualche trucchetto imparato dalla brava Stephanie di joyofbaking e di qualche variante in corso d’opera, giusto per dare una piccola prova di creatività.

Allora da Stephanie ho imparato che le mele bisogna lasciarle macerare un po’ col succo di limone, lo zucchero e la cannella. Perderanno così il loro liquido, la loro rigidità e ci regaleranno un prezioso nettare che scoleremo per reinserirlo in un secondo momento, dopo averlo trasformato in gustoso caramello.

Di mio ci ho messo scaglie di cioccolato fondente e gherigli di noce sminuzzati.

Passiamo agli ingredienti e alla ricetta.

INGREDIENTI

1 dose di pasta brisée oppure 2 confezioni di quella comprata

6 mele golde o renette o che comunque tengano la cottura

50 g di zucchero semolato

55 g di zucchero di canna

1 cucchiaio di succo di limone

1 cucch.no di cannella

1/4 di cucch.no di sale

28 g di burro

15 g di amido di mais

Preparate la pasta brisée secondo la ricetta che troverete nel link e dividetela in due panetti che andrete ad appiattire un po’ e a mettere in frigo. In alternativa si può usare quella comprata (2 conf.)

Sbucciate e affettate le mele procedendo così: tagliate prima a metà la mela, poi tagliate ogni metà da un lato e dall’altro del centro con i semi, tagliate anche la parte di polpa rimasta vicino al torsolo.

IMG_1054

Poi sbucciate i vari pezzi e fate fette di circa 1/2 cm che metterete in una ciotola, rigirandole nel succo di limone.

IMG_1055

Aggiungete i due tipi di zucchero, il sale e la cannella. Lasciate macerare da 1 a 3 ore.

IMG_1056

 

Scolate le mele e cospargetele con l’amido di riso. Mettete il succo in un pentolino di vetro, aggiungete il burro e mettete nel microonde per 5-6 min. Deve addensarsi, se necessario mettete altri due min e così via, fino ad ottenere un bel caramello che terrete da parte.

Stendete la pasta fatta da voi a 3-4 mm di spessore, oppure srotolate una di quelle comprate.

Disponetevi sopra le mele. Cospargete con le noci tritate e i pezzetti di cioccolate. Distribuite anche il caramello e coprite con l’altro disco di pasta. Sbucherellate con una forchetta e mettete a cuocere in forno caldo (200°) per cira 20 min o fin quando non assume un colore dorato.

Lasciate intiepidire e poi ricavate dei quadrotti, delle dimensioni che preferite.

Annunci

GIRELLE RUSTICHE ALLE MELANZANE

GIRELLE DI SFOGLIA ALLE MELANZANE

GIRELLE DI SFOGLIA ALLE MELANZANE

Quasi come in un letargo al contrario, quando arriva l’autunno io esco dal torpore estivo e mi rimetto in moto.Ho voglia di fare, di creare, di andarmene a spasso strusciando i piedi tra le foglie secche che si ammucchiano ai margini dei viali. Dell’autunno amo tutto: i colori di fuoco, il profumo di mele, di vino e delle caldarroste…amo perfino le giornate di pioggia!

E’ il momento di scaldarsi le mani e lo spirito con una tazza di tè e poi torna il piacere di riunirsi in casa…della convivialità.

Ultimamente la mia attenzione è stata catturata da un nuovo intrattenimento. Nuovo… si fa per dire! In realtà e tale solo per me e i miei conoscenti di provincia: le cosiddette “cene con delitto”. Non quelle proposte da alcuni ristoratori, in cui gli avventori si limitano al lavoro di investigazione, ma quelle in cui  tutti hanno un ruolo da recitare e contribuiscono attivamente al dipanarsi della trama “criminosa”.

Per queste cene è molto meglio organizzarsi con un buffet, in modo da facilitare la mobilità dei partecipanti che possono così giocare mentre mangiano e viceversa.

Ecco quindi la necessità di avere un buon numero di ricette non solo gustose, ma anche veloci da realizzare. Con tutto il  tempo che mi serve per inventare la trama e organizzare tutto il gioco, non ne avrei anche per produrmi in capolavori culinari. Tra l’altro, spesso gli ospiti sono così presi dalla recitazione e dagli obiettivi da raggiungere, che quasi dimenticano la cena vera e propria.

E’ per queste occasioni che mi sto creando una piccola raccolta di finger food e altri stuzzichini; oggi è la volta di queste semplicissime girelle di pasta sfoglia, farcite con melanzane grigliate e formaggio. Sono così elementari che… quasi quasi mi vergogno a postarne la ricetta!

INGREDIENTI

1 confezione di pasta sfoglia fresca o surgelata

1 melanzana grande

fettine di Emmenthal

olio d’oliva

sale

aglio in polvere

Parmigiano grattugiato

  1. Affettate la melanzana nel senso della lunghezza, ricavandone fette di circa 1/2 cm di spessore.
  2. Spennellatele di olio e mettetele in una teglia sotto il grill del forno. Giratele una volta, per farle dorare da entrambi i lati. Una volta dorate e tenere lasciatele intiepidire.
  3. Srotolate la pasta sfoglia e disponetevi sopra le melanzane, cospargetele con poco sale e polvere d’aglio. Coprite con qualche fettina di Emmenthal e una spolverata di Parmigiano.
  4. Arrotolate la pasta dalla parte del lato più lungo, così vengono più fettine, meno grandi.
  5. Con un coltello affilato,  tagliate rondelle alte 1 cm, dal rotolo di pasta.
  6. Ponetele in una teglia con carta forno e cuocete in forno caldo a 200° per circa 20 min o finchè la pasta non è ben dorata e sfogliata.

Potete variare la ricetta sostituendo le melanzane con zucchine o altre verdure. Oppure potete farne una versione con salumi.

FOCACCIA “3 GUSTI”

Focaccia 3 gusti

Focaccia 3 gusti

Questa qui è la focaccia più facile del mondo, ve lo assicuro!

Mi ritrovo spesso a prepararla verso le 7 di sera, quando mi accorgo che ho dimenticato di “fare” il pane e mi rifiuto per principio di andarlo a comprare.

In questa versione a 3 gusti diversi diventa anche un ottimo “spezzafame” o “apripista” come lo chiamo io, e non sfigura neppure come fingerfood in un buffet. (altro…)

“EASY CAKE”

EASY CAKE

“EASY CAKE” Torta con budino

Ho voluto chiamare così questa torta proprio per sottolinearne la facilità e velocità di esecuzione.

Si tratta di un pan di spagna farcito con  budino. Il suo gusto è fresco e leggero, pertanto si presta bene a chiudere un pranzo anche importante …senza dare il colpo di grazia! (altro…)

“Black Forest” &”Chocolate” CUPCAKES

Black Forest cupcakes

Black Forest cupcakes

Sono secoli che non pubblico niente e tornare a farlo si presenta insolitamente difficile. Provo una sorta di imbarazzo…un pò come incontrare qualcuno che hai indebitamente trascurato per molto tempo e ti senti in colpa quando lo rivedi…praticamente quello che in effetti è successo.

Non che abbia passato l’intera estate a crogiolarmi al sole… non soltanto per lo meno. Diciamo che quanto a infornare ho infornato parecchio ma più che altro mi sono messa a giocare all’albergatrice e devo dire che la cosa mi piace molto. Ci sono tante cose che mi frullano per la testa…idee…iniziative che sto cercando di mettere a punto e il tempo vola e non mi basta mai.

Comunque ora che mi sono decisa a rompere il silenzio stampa voglio farlo in grande stile, proponendovi la ricetta dei cupcakes che mi sono preparata per festeggiare i miei primi 50 anni. (altro…)

OATMEAL COOKIES ovvero biscotti ai fiocchi d’avena

Biscotti ai fiocchi d'avena

Biscotti ai fiocchi d’avena

Di rado seguo una ricetta pedissequamente, ma quando c’è di mezzo la regina dei biscotti, al secolo Stephanie Jaworski, perchè modificare ciò che di sicuro porterà a un risultato perfetto?

Neppure la più negata ai fornelli potrebbe sbagliare con le video ricette di dolci e biscotti del suo blog joy of baking. Starla ad ascoltare, mentre illustra i segreti di un ‘infinità di dolcetti con spiegazioni “a prova di stupidi”, è un piacere e una fonte di ispirazione che ti fa venire immediatamente voglia di correre in cucina e metterti all’opera.

A onor del vero, ho fatto questi biscottacci all’avena  dall’aspetto rustico soprattutto perchè volevo subito qualcosa da mettere nella mia nuova biscottiera, ma  ora che li ho appena sfornati, in tutta la casa c’è un profumino tentatore che non so proprio se riuscirò ad aspettare fino a domattina prima di addentarne uno. Ho assaggiato qualche briciola qua e là e trovo  la nota acidula dei mirtilli rossi semplicemente deliziosa.

INGREDIENTI ( 28 pz x  circa 1kg)

110 g di nocciole tostate e tritate

170 g di burro morbido

210 g di zucchero di canna

1 uovo

1 cucchiaio di estratto di vaniglia

105 g di farina

1/2 cucchiaino di bicarbonato

1/2 cucchiaino di cannella

1/4 cucchiaino di sale

260 g di fiocchi d’avena

1 tazza di mirtilli rossi

Preriscaldate il forno a 175°

1) Montare a crema burro e zucchero.

2) Unire l’uovo, la vaniglia.

3) Mischiare farina, bicarbonato. sale e cannella. Unire all’impasto.

4) Aggiungere infine i fiocchi d’avena e i mirtilli. Ne risulterà un impasto piuttosto asciutto e poco compatto. Prelevatene delle grosse noci e comprimetele tra le mani a formare palle di circa 4 cm di diametro. Potete usare anche il dosa gelato. Ponete le palle di impasto sulla teglia coperta di carta forno e fate cuocere per 12-15 min, fino a quando iniziano a dorare ma al centro sono ancora morbide.

Fate raffreddare qualche minuto nella teglia e poi ponete i biscotti su di una griglia e lasciate raffreddare completamente.

Il linguaggio dei dolci : PICCOLE BAVARESI AL LAMPONE

bavaresi al lampone

Non tutti i golosi sono bravi pasticcieri…ma tutti quelli che sanno fare i dolci  sono golosi!

Questo per me è un assioma che vale per la cucina in generale.Difficile cucinare bene se  si riduce il cibo a mero carburante…una necessità più che un piacere. Difficile quasi come cercare di convincere qualcun altro di qualcosa in cui siamo i primi a non credere. (altro…)