cakes

TORTA “ANTICA” ALLE NOCI

Torta alle noci

Torta alle noci

Ho fatto un sogno tempo fa.

La mia famiglia aveva acquistato una casa di campagna molto antica ed eravamo andati insieme ad esplorarla. Siamo finiti così nella cucina della villa ed io ho trovato un vecchio ricettario scritto a mano. Ho iniziato a sfogliarlo con l’eccitazione di chi ha appena scoperto un tesoro.

Purtroppo non sono riuscita a leggere nulla perchè, come spesso accade, i sogni si interrompono proprio  quando iniziano a farsi più interessanti.

Qualche tempo dopo però, un’amica mi ha dato questa antica ricetta segreta tratta dal ricettario personale di una sua vecchia zia, conservato gelosamente per anni, fino a poco prima della sua morte.

Per me le ricette, come qualsiasi altra forma di sapere, vanno condivise. E’ solo in questo modo che possono perpetuarsi nel tempo, altrimenti rischiano di andare perdute.

Dopo aver ottenuto il permesso da chi me l’ha passata, provvedo quindi con gioia a condividerla con voi, sperando che vi piaccia quanto è piaciuta a me.

INGREDIENTI

6 uova

150 g di zucchero

150 g di noci tritate finemente

150 g di cioccolato fondente

la buccia grattugiata di 1 limone

  1. Separe tuorli e albumi. Montare a lungo i tuorli con lo zucchero. La riuscita di questa torta dipende proprio da questa operazione.
  2. Aggiungere il cioccolato fuso e intiepidito e le noci.
  3. Incorporarvi delicatamente gli albumi montati a neve fermissima.
  4. Foderare una tortiera non apribile,da ca 24 cm di diametro, con carta forno.
  5. Cuocere nel forno preriscaldato a 150° per almeno 1 ora. fare la prova stecchino prima di sfornare. Eventualmente cuocere più a lungo.
Annunci

SWISS MOOD: SCWARZWALDER KIRSCHTORTE ovvero TORTA FORESTA NERA

Torta Foresta Nera

Torta Foresta Nera Nella foto decorata con fiore di zucchero e foglie in wafer paper

20151226_150231

Devo rimediare a una imperdonabile mancanza: inserire tra le mie ricette quella che forse più di tutte ha segnato la mia infanzia, la torta che è stata la costante di tutte le celebrazioni in casa mia e di tutti i compleanni dal primo al quindicesimo, passando per il dodicesimo festeggiato in Spagna, a Granada, dove ormai rassegnata a fare senza, mia madre ed io ci imbattemmo in una pasticceria svizzera!

Siccome ho un’amica alla quale urge una ricetta collaudata passo subito al dunque.

INGREDIENTI (per una torta di 24 cm circa)

5 uova grandi

150 g di zucchero

175 g di farina per dolci (oppure 125 farina 00 + 50 g di maizena)

2 cucchiai colmi di cacao amaro

1 cucchiaino di lievito per dolci

2 cucchiai di acqua bollente

500 ml di panna da montare fresca

2 cucchiai di zucchero a velo

amarene sciroppate con il loro sciroppo

2 cucchiai di kirsch (o altra grappa in mancanza)

  1. Montare i tuorli con metà dello zucchero e l’acqua bollente fino a quando sono belli gonfi e spumosi.
  2. Montare a parte i bianchi con un pizzico di zucchero e il resto dello zucchero ( lo zucchero si aggiunge quando sono gia quasi montati, poco alla volta)
  3. Aggiungere ai tuorli la farina setacciata con il lievito e il cacao.
  4. Incorporare gli albumi senza smontarli
  5. Versare nella tortiera a cerniera con il fondo foderato di carta forno e le pareti imburrate e infarinate (io uso lo spray antiaderente).
  6. Infornare nella parte bassa del forno preriscaldato a 175° per circa 30-35 min. Fare la prova stecchino prima di spegnere il forno.
  7. Lasciare dentro a forno spento ancora 5 min poi sformare su una griglia e lasciar raffreddare.
  8. Tagliarla in tre strati

Montare la panna e dolcificarla con lo zucchero a velo.

Scolare le amarene dallo sciroppo. Per la bagna ne servirà circa un bicchiere (200ml). Diluirlo con un po’ d’acqua, altrimenti la bagna sarebbe troppo dolce, quindi la diluizione dipende anche dal gusto personale. Aggiungere il kirsch.

Montare la torta bagnando bene ogni strato, spalmando uno strato generoso di panna montata e qualche amarena. Ricoprire poi l’intera torta con la panna e decorare i lati con cioccolato fondente grattugiato. Io uso la grattugia a mano per julienne, quella coi fori larghi per capirci.

Per la parte superiore usate dei riccioli comprati se volete, ma meglio se fatti da voi nel seguente modo.

Far sciogliere 100g di cioccolato fondente con un cucchiaio di olio di arachidi a bagnomaria o nel micro.

Stenderlo con una spatola sul retro di una teglia di metallo ben pulita. Appena si raffredda ricavate dei riccioli grattando con una patola di metallo.

 

“EASY CAKE”

EASY CAKE

“EASY CAKE” Torta con budino

Ho voluto chiamare così questa torta proprio per sottolinearne la facilità e velocità di esecuzione.

Si tratta di un pan di spagna farcito con  budino. Il suo gusto è fresco e leggero, pertanto si presta bene a chiudere un pranzo anche importante …senza dare il colpo di grazia! (altro…)

“Black Forest” &”Chocolate” CUPCAKES

Black Forest cupcakes

Black Forest cupcakes

Sono secoli che non pubblico niente e tornare a farlo si presenta insolitamente difficile. Provo una sorta di imbarazzo…un pò come incontrare qualcuno che hai indebitamente trascurato per molto tempo e ti senti in colpa quando lo rivedi…praticamente quello che in effetti è successo.

Non che abbia passato l’intera estate a crogiolarmi al sole… non soltanto per lo meno. Diciamo che quanto a infornare ho infornato parecchio ma più che altro mi sono messa a giocare all’albergatrice e devo dire che la cosa mi piace molto. Ci sono tante cose che mi frullano per la testa…idee…iniziative che sto cercando di mettere a punto e il tempo vola e non mi basta mai.

Comunque ora che mi sono decisa a rompere il silenzio stampa voglio farlo in grande stile, proponendovi la ricetta dei cupcakes che mi sono preparata per festeggiare i miei primi 50 anni. (altro…)

Il linguaggio dei dolci : PICCOLE BAVARESI AL LAMPONE

bavaresi al lampone

Non tutti i golosi sono bravi pasticcieri…ma tutti quelli che sanno fare i dolci  sono golosi!

Questo per me è un assioma che vale per la cucina in generale.Difficile cucinare bene se  si riduce il cibo a mero carburante…una necessità più che un piacere. Difficile quasi come cercare di convincere qualcun altro di qualcosa in cui siamo i primi a non credere. (altro…)

Torta libro per Prima Comunione

Ho trascurato queste pagine ultimamente. Ma quando la primavera arriva, il giardino chiama, anzi reclama la mia assidua presenza e io non posso e non voglio dirgli di no. Molto del mio tempo è stato assorbito anche dai preparativi per la Prima Comunione di mio figlio: chili e chili di dolcetti secchi e pasticcini per il banchetto, da regalare agli ospiti e agli amici, oltre alla torta…ovviamente!

Il festeggiato ha espressamente richiesto una torta alla frutta e senza montagne di pdz sopra. Come dargli torto, io stessa sto sviluppando una sorta di disagio nei confronti dei chili di pasta di zucchero usati per decorare: oltre a non piacermi, mi sembrano anche uno spreco bell’e buono.

Ho preparato per lui un libro con la copertina di pasta sfoglia, le pagine di Pan di Spagna bagnato agli agrumi inframmezzate da uno strato di crema diplomatica con fragole e kiwi e uno di crema di cioccolato alla banana. Ho ricoperto il tutto con una doppia ganache, al cioccolato fondente prima e sopra quella al cioccolato bianco. La pasta di zucchero, stesa sottilissima (1 mm ca), l’ho usata solo per le due pagine superiori, il segnalibro e la cornice dell’ostia in wafer paper, come le foglie delle rose di gum paste.

Pan di Spagna

Gli strati di pan di Spagna e pasta sfoglia

La tecnica “libro”

Per evitare di dover tagliare il pan di Spagna, ne ho cotti tre da 4 uova ciascuno in una teglia di 30 x 40, in questo modo ho ottenuto gli strati già pronti da farcire. Mi serviva una torta per circa 30 persone. Se serve una torta più grande basta farla più alta o usare più impasto in una teglia più grande.

Li ho sistemati su due strati affiancati di pasta sfoglia, usando la crema di cioccolato come collante. La pasta sfoglia ha lo scopo di simulare una di quelle vecchie e spesse copertine da “incunabolo”.

Prima di mettere l’ultimo strato di pan di Spagna ho sistemato affiancati, parallelamente alla linea mediana centrale, due strisce ritagliate dalla pasta sfoglia e che ho poi coperto con uno strato di crema prima di poggiarci sopra l’ultimo strato. In questo modo si crea l’effetto libro aperto. Come mi capita sempre, troppo presa dalle varie operazioni,  ho dimenticato di fare le foto. Spero di sopperire efficacemente con questo link che mostra come fare.

Ho tagliato obbliquamente lungo i lati corti per creare l’effetto di un grosso volume aperto in cui le pagine inferiori sporgono rispetto a quelle superiori.

 

Torta libro

Il libro dopo la seconda stuccatura con ganache bianca

Ho ricoperto tutta la torta prima con una ganache al cioccolato fondente. Ho fatto raffreddare in frigo e ho ricoperto il tutto con una crema di burro alla ganache di cioccolato bianco. Con l’apposito attrezzo a pettine ho inciso i lati per dare l’idea delle pagine.

torta libro

Pagine superiori di pasta di zucchero

Ho poi ritagliato dalla pasta di zucchero stesa sottiliossima 4 triangoli che ho sistemato ai 4 angoli del libro arrotolandone un po’ il vertice per simulare la pagina con l’orecchio. Sopra ho infine sistemato le due pagine superiori di pasta di zucchero.

La torta è così pronta per la decorazione finale. Io ho disegnato delle foglie sul wafer paper e le ho colorate e ritagliate. Ho realizzato sempre su wafer paper un piccolo quadro con un calice e l’ostia e l’ho applicato sulla pdz con poca acqua. Le roselline di gum paste le avevo da parte. Ho coperto i gambi con pellicola alimentare e ho inserito il mio bouquet nella torta. Con poca acqua ho incollato sotto le foglie. Per le scritte ho usato della ganache.

torta libro

Torta libro di Prima Comunione